Contattaciofferta

Solo per chi compila il form sottostante!

Email:
Nome e Cognome:
Messaggio (inserire anche un contatto telefonico:

Download documenti e informazioni

Video

D.Lgs. 231, responsabilità amministrativa d'impresa

Ogni imprenditore è consapevole che il rischio che deriva dalla sua impresa non si esaurisce con buoni risultati economici e con buone strategie per il futuro, ma contempla anche rischi relativi alla commissione di reati di tipo civile o penale. Infatti il quadro normativo italiano è complesso e un imprenditore o il legale rappresentante non può escludere che siano commessi reati in azienda fuori dal suo diretto controllo se non stabilisce un metodo sistematico per individuare i potenziali rischi e introdurre le dovute cautele affinché ciascun rischio sia mitigato o eliminato. Il Decreto Legislativo 231 dell'8 giugno 2001 viene incontro all'esigenza del legale rappresentante dell'impresa, perché gli dà una opportunità di dimostrare che ha fatto il possibile per evitare la commissione del reato. Quindi adottare un modello organizzativo conforme al D.Lgs. 231 con i relativi codice etico e sanzionatorio, permette al legale rappresentante di non pagare personalmente (e di non far pagare all'azienda) le conseguenze di infrazioni dovute a persone che hanno agito violando il detto modello organizzativo.

i reati codificati all'interno del Decreto sono:

  • Reati commessi nei rapporti con la Pubblica Amministrazione
  • Delitti informatici e trattamento illecito di dati
  • Delitti di criminalità organizzata
  • Reati commessi nei rapporti con la Pubblica Amministrazione
  • Reati di falso nummario
  • Delitti contro l'industria e il commercio
  • Reati societari
  • Reati con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico previsti dal codice penale e dalle leggi speciali
  • Delitti contro la personalità individuale
  • Reati di abuso di mercato
  • Reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell'igiene e della salute sul lavoro
  • Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita
  • Delitti in materia di violazione del diritto d'autore
  • Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria
  • Reati ambientali
  • Reati transnazionali

Alla commissione di un reato, previsto dal catalogo del decreto, oltre alla responsabilità personale della persona che lo commette, può configurarsi una responsabilità della Società che si può concretizzare nell’applicazione di:

  • Sanzioni pecuniarie (previste sempre e fino ad un massimo di 1,5 milioni di €);
  • Sanzioni interdittive (previste solo in alcuni casi e fino a 24 mesi);
  • Confisca;
  • Pubblicazione della sentenza

L'adozione del modello organizzativo presenta dei vantaggi:

  • esenzione 231
  • ottimizzazione nella gestione delle risorse finanziarie
  • riduzione dei rischi significativi per l'organizzazione
  • efficienza organizzativa e operativa

I vantaggi dell'adozione di un modello organizzativo 231

Contatta l'esperto 231 | email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. | telefono: +39 335 436767

Skype: Skype Me™!

 

 

 

Tuttavia la mancata adozione del sistema di controllo previsto dal suddetto decreto non consente alla società di chiedere all’organo giudicante, nel corso del giudizio penale, l’esimente per quei reati espressamente richiamati nel Decreto.

L’implementazione del sistema di controllo (detto anche antifrode) previsto dal Decreto Legislativo 231/2011, per le imprese è certamente un atto facoltativo e volontario. I professionisti di PLAY sas hanno una esperienza testimoniata dalle collaborazioni con riviste specializzate del settore (www.rivista231.it) e con il mondo accademico (Università di Firenze, Viterbo, Pisa ecc.) che può dare all'impresa le giuste informazioni decisionali per l'adozione o meno del modello.

Listen, Think, Play: L'APPROCCIO

Le fasi per l'adozione di un modello organizzativo 231

VALORE e RISULTATI

Il valore di una buona consulenza per adottare un modello organizzativo 231 è altissimo, può fare la differenza fra un modello veramente esimente e uno non esimente in fase giudiziaria. La squadra che affianca il legale rappresentante dell'azienda deve essere:

  • esperta,
  • multidisciplinare,
  • dotata di capacità analitiche,
  • dotata di strumenti affidabili,
  • referenziata.

In casi come questi, accorgersi di non avere avuto una buona consulenza può costare molto caro.

Contatta l'esperto 231 | email:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. | telefono: +39 335 436767

Skype: Skype Me™!